Il 13 agosto alle 21.30 un appuntamento imperdibile per gli amanti della canzone d’autore
UNA MAGICA NOTTE CON I COMPAGNI DI VIAGGIO DI FABRIZIO DE ANDRÉ
Il piccolo Comune dell’alto maceratese si appresta ad accogliere un evento esclusivo
 

FIUMINATA – Durante questa strana estate scandita da un tempo quasi sospeso e in parte privato di tanti eventi piacevoli, l’Amministrazione Comunale e la Pro Loco coraggiosamente hanno voluto abbracciare una iniziativa che rimarrà nella memoria storica del territorio: segnale importante di una ripresa che, nel rispetto delle restrizioni dettate dalle norme antiCovid, deve trasmettere ottimismo e fiducia a tutti coloro che avranno la fortuna di prendervi parte.
Il comune di Fiuminata, posto al confine con l’Umbria e la provincia di Ancona, rimane un po’ isolato e periferico rispetto alle località più attrattive e più note del turismo regionale, nonostante le bellezze che la natura generosamente gli ha donato e che la cura della popolazione nei secoli ha saputo preservare. Forse proprio per questa dimensione di tranquillità e quiete, per il piacevole incanto in cui perdersi camminando lungo gli argini del fiume Potenza, che solca l’ampia vallata accompagnato e sorvegliato dagli alti pioppi che svettano in cerca dell’azzurro, le canzoni di un grande cantautore italiano hanno trovato il migliore approdo proprio qui. Fabrizio De André, il paladino degli ultimi, degli emarginati e dei dimenticati, scelse di vivere nella solitaria Gallura in compagnia delle persone a lui care, immerso nella natura più autentica e incontaminata per dedicarsi alla composizione dei suoi capolavori: testi a tutti gli effetti poesia pura e melodie inimitabili divenute familiari a tanti.
Il concerto del 13 agosto alle 21.30, nella piazzetta centrale del paese, vuole ripercorrere un vasto repertorio tratto dagli album più coinvolgenti e significativi del cantautore genovese, rievocando l'atmosfera magica del concerto del Brancaccio del 1998 attraverso brani come Crêuza de mä, Dolcenera, Via del Campo e Il pescatore: Le Nuvole, un gruppo che nel tempo si è fatto amare per la sua professionalità, il grande entusiasmo e il profondo amore per Fabrizio De André ci accompagnerà in questo viaggio. Fabrizio De André, in ogni situazione, è sempre stato alla ricerca di uno sguardo da un altro punto di vista, fino ad arrivare a rovesciare spesso conclusioni retoriche o scontate, senza mai giudicare. Ironicamente descriveva se stesso come uno che aveva pochissime idee, ma in compenso fisse. Sono proprio quelle idee che ci hanno folgorato già da piccoli, fino a farle nostre e a spingerci a proporle, da più di venticinque anni, in un balletto di personaggi, utopie e umanità vera. Da ‘Girotondo’ ad ‘Anime Salve’. E se Fabrizio oggi, a vent’anni dalla sua scomparsa fisica, ci chiedesse “perché ancora continuate a suonare e cantare le mie canzoni?”, risponderemmo: “perché se ti tagliassero a pezzetti…il vento li raccoglierebbe”.
Basterebbe questo per rendere questo un evento speciale ed imperdibile, ma ad accrescerne il valore sarà la presenza di due nomi strettamente legati al grande Faber, due compagni di viaggio, appunto, delle ultime tournée: il batterista Ellade Bandini e il chitarrista Michele Ascolese che per quasi dieci anni hanno avuto l’onore e la fortuna di accompagnarlo nella vita e nella musica. Michele Ascolese, un musicista eclettico, chitarrista autodidatta e versatile, con una grande passione per la musica brasiliana, ha collaborato con grandi nomi del panorama musicale italiano quali Ornella Vanoni, Gino Paoli, Sergio Caputo, Roberto Vecchioni, P.F.M., Teresa De Sio, Angelo Branduardi, Fabio Concato, Eduardo De Crescenzo, Renato Zero, Eros Ramazzotti, Tullio De Piscopo, etc. e si è reso subito disponibile nella collaborazione con Le Nuvole, per far conoscere gli aspetti musicali un po’ meno noti del cantautore attraverso le note della sua splendida chitarra, particolarità che solo chi ha suonato con lui per tanto tempo può rievocare.
Ellade Bandini fin da bambino è rimasto affascinato dalla figura del batterista ascoltando i membri delle orchestre di liscio che suonavano nelle feste patronali del ferrarese. A 5 anni ha ricevuto la sua prima batteria, a tredici anni ha cominciato a prendere le prime lezioni da amici batteristi e dal maestro Roul Ferretti, ma ama definirsi “quasi totalmente autodidatta”. Negli anni 70 Ellade era già un turnista a tutti gli effetti e suonava in noti gruppi italiani come l’Equipe 84, i Dik Dik e I Giganti; da ricordare sicuramente un’importante collaborazione con Francesco Guccini con cui ha inciso una ventina di album. Ha suonato anche con Venditti, Bruno Lauzi, Fabio Concato, Bennato, Vecchioni, Mina (in una decina di album), Marco Ferradini, Branduardi, Ron, Zucchero, Paolo Conte, Fabrizio De André: le sue numerosissime collaborazioni lo hanno reso un batterista molto versatile. Ellade ricorda così la sua esperienza con De André «Ventun anni non solo di musica, ma anche di normale (se così si può dire) quotidianità con l'artista sicuramente più difficile dell'ambiente musicale italiano. Il contrario del contrario del contrario era all'ordine del giorno. Praticamente ogni volta era sempre una prima volta. Fabrizio De André era/è la magia della sua voce. Era/è ciò che diceva quando dalle cuffie mi entrava nel cervello, trasformando le parole nelle immagini che riflettevano dagli occhi del pubblico sempre diverso, ma sempre uguale nelle emozioni provate.»
Non dimentichiamo di nominare i musicisti storici del gruppo Le Nuvole: Maurizio Moscatelli, ai fiati, Sergio Misici, pianoforte e voce, Andrea Longo, chitarra e voce, Sauro Corinaldi, chitarre e bouzouki, Stefano Cardella, basso, Andrea Feliciani, batteria e percussioni, Luca Mengoni, violino e fisarmonica, Guido Colocci e Monica Pigotti, voci soliste; collaborerà in questa occasione il violista Vincenzo Pierluca.
L’idea di un tale evento per Fiuminata è scaturita dalla poliedrica inventiva del prof. Stefano Stella, che ne cura la regia, ed accolta fin da subito dal sindaco, dott. Vincenzo Felicioli, e dalla squadra della Pro Loco guidata sapientemente da Rolando Bonfili. Per raccogliere le prenotazioni, indispensabili in questo momento, è stato creato un sito web (Roberto Ventura per Skianet www.fiuminata.org). Il prof. Stella ha ideato un marchio ad hoc denominato Fiuminata Eventi che userà anche per altre manifestazioni di tipo culturale che verranno proposte nel tempo.
Immancabili gli sponsor a sostegno di una iniziativa così importante: Mediolanum Private Banking, di Alberto Mariotti, ufficio dei consulenti finanziari di Matelica (Mc) e Il Carosello dell’ultimo sole, il calore di un momento, una realizzazione di Sauro Corinaldi, musicista de Le Nuvole, dedicata a De André: ogni giorno, quaranta minuti prima del tramonto ufficiale locale, calcolato dagli orologi che segnano l’ora italica e l’ora astronomica, il Carosello si anima, le campane cominciano a suonare e compare in scena l’Assassino, il cattivo, che con il saggio Pescatore ripropone proprio “quel calore di un momento”, chiedendo del pane e del vino. Il Pescatore, con il suo solco lungo il viso come una specie di sorriso, si sveglia e, senza pensarci, spezza il pane per offrirglielo, vedendo davanti a sé un uomo che ha fame.
Un doveroso ringraziamento va anche agli organizzatori, Anna Grilli e Luciano Fermani, al tecnico del suono, Matteo Stella, alla Protezione Civile, a tutta la popolazione di Fiuminata che sta lavorando per la buona riuscita dell’evento e a quanti avranno il piacere di condividere con noi la magia di questa serata di una estate del tutto singolare.